Ceccano

Home > Destinazioni > Ceccano

Ceccano è considerata l'antica Fabrateria Vetus, città volsca, già esistente nel 330 a.C., situata lungo le rive del fiume Sacco denominato dai Romani Trerus o Tolerus.

Il collegamento tra Ceccano e l’antica Fabrateria si fonda su antiche iscrizioni ritrovate tra il Settecento e il’Ottocento nel territorio comunale. Il mutamento del nome avvenne, secondo lo storico locale Michelangelo Sindici, nel VII secolo in onore di Petronio Ceccano, Console di Campagna, discendente di Tito imperatore e padre di papa Onorio I.

Patria di San Silverio I Papa (come scritto da papa Gregorio XVI nella Bolla in cui elevava a Collegiata la Chiesa di S. Giovanni Battista in Ceccano) che nacque nella contrada di Campo Troiano, odierna Cantinella, la città fu per ordine del Pontefice cinta di mura difensive, in parte ancora visibili.

Poco prima dell’anno Mille, i conti de Ceccano presero il possesso della città, che grazie a questa famiglia, divenne la capitale di una vasta contea che durò stabilmente per circa cinque secoli. Questo piccolo stato comprendeva oltre 15 feudi e si espandeva tra la Valle dell’Amaseno ed i versanti opposti dei Lepini.

Verso la metà del XV Secolo, con la scomparsa dell’ultimo de Ceccano, la città passò ai Caetani per divenire in seguito parte del feudo dei Colonna, che la tennero fino ai primi anni dell’800. Nel XVII Secolo, Marcantonio Colonna, discendente dell’eroe di Lepanto, rinnovò alla città lo Statuto Comunale.

Con Napoleone, le amministrazioni francesi costruirono un moderno e grande ponte che scavalca il fiume Sacco, che rese di nuovo strategica la città e il traffico commerciale della zona.

Nel 1816 i Colonna rinunciarono ai diritti feudali su Ceccano e le loro proprietà vennero acquistate da Filippo Berardi. Il marchese è stato un personaggio chiave nella storia recente: cambiò l’urbanistica della città con la costruzione della stazione ferroviaria e di una zona industriale nella parte bassa (Borgo Berardi).

Durante la seconda Guerra Mondiale, Ceccano venne colpita dai bombardamenti americani in quanto era divenuta un punto strategico vicino al fronte.

Nel dopoguerra la nascita di numerosi siti industriali diede grande impulso all’economia della città, un tempo basata solo sull’agricoltura.

Ceccano oggi è la quinta città più popolosa della provincia di Frosinone e gode di una posizione molto strategica in quanto è facilmente raggiungibile sia con il treno che con l’automobile. La stazione ferroviaria si trova in pieno centro urbano, per cui si può facilmente arrivare in treno e visitare la città interamente a piedi; arrivando in auto si prende l’uscita dell’A1 Frosinone, a pochi chilometri di distanza.

Stemma

Gonfalone

Meteo oggi
Dati

Altitudine: 200mt

Superficie: 61,06 km²

Abitanti: 22.329 (2022)

Patrono: San Giovanni Battista

Giorno festivo: 24 Giugno

Comuni confinanti: Arnara, Castro dei Volsci, Frosinone, Giuliano di Roma, Patrica, Pofi, Villa Santo Stefano

Gemellaggi
Cancún, Messico
Plouzané, Francia

Destinazioni popolari

Centro storico

Castello dei Conti di Ceccano

Castel Sindici

Badia dei Padri Passionisti

Chiesa Abbaziale di San Nicola

Scopri i dintorni

Dove alloggiare

Trova posti fantastici in cui soggiornare a Ceccano. Prenota il tuo soggiorno perfetto per una breve vacanza.
Booking.com

Inserzione

Feste ed eventi

Dall’arte al cibo; sfrutta al massimo la tua avventura a Ceccano.
Iscriviti alla nostra newsletter per avere le migliori idee per viaggiare in Ciociaria
Iscrivendoti, acconsenti a ricevere regolarmente la newsletter di Living Ciociaria via e-mail con notizie di viaggio sulla Ciociaria, articoli su eventi, nuove attrazioni, questionari e offerte speciali, nonché inviti a partecipare a concorsi. Consulta l’Informativa sulla protezione dei dati di Living Ciociaria in merito al trattamento dei tuoi dati. In qualsiasi momento, puoi revocare il consenso facendo clic su ‘Annulla iscrizione’ in basso alla newsletter.
Newsletter ITA