Un vigneto pieno di esperienze

Un vigneto pieno di esperienze

La tradizione dell'ospitalità, dell'enogastronomia e della cultura di Picinisco e della Val di Comino viene conservata e condivisa presso I Ciacca, un borgo appena ristrutturato.

Vigneto I Ciacca

Il padre di Cesidio Di Ciacca, Johnny, è nato a I Ciacca. I suoi nonni, Cesidio e Marietta si trasferirono in Scozia all’inizio del XX secolo insieme a molte altre famiglie della zona.

Storia di I Ciacca

Dimora della famiglia Di Ciacca da oltre 500 anni, abbandonata più di 50 anni fa, I Ciacca è stata recentemente restaurata e si dedica a mantenere e condividere la tradizione di ospitalità, cibo, vino e cultura di Picinisco e della Val di Comino. Ovviamente sostenibile prima, lo è ora e continuerà ad esserlo in futuro.

Ottenere di più insieme

Cesidio, che è nato e cresciuto in Scozia, è spinto dal desiderio di rivitalizzare la zona, oltre che dalla nostalgia. Cesidio spera che il progetto I Ciacca, così come altri programmi nel quartiere, favoriscano l’occupazione e offrano opportunità ai giovani.

Il futuro di I Ciacca entusiasma Cesidio, sua moglie Selina e i loro figli Sofia e Giovanni. Il cuore dell’operazione è la Cucina di Nonna Selina. Giovanni, il nostro ospite stellare, è un ragazzo con la sindrome di Down che ama la fattoria.

Pur non essendo distratti dall’aggiunta del nuovo bambino alla famiglia, Sofia e suo marito Luigi hanno assunto il ruolo di marketing. Per garantire la fedeltà alla nostra filosofia, tutti hanno voce in capitolo nella vinificazione.

  • Marica, l’amministratrice, gestisce l’ufficio e accoglie i visitatori di Sotto Le Stelle. Le piace conoscere le persone.
  • Il vigneto e la cantina sono entrambi gestiti da Luca.
  • Le olive, gli alveari e la manutenzione sono ora sotto la responsabilità di Onorio. “Geppetto” è un volto familiare a casa I Ciacca.
  • Dina è una madrelingua francese che lavora all’hotel. È sempre pronta ad aiutare, che ne abbiate bisogno o meno.
  • Maddalena lavora in hotel e parla inglese.

 

Cesidio ha un atteggiamento gentile ed è nato e cresciuto in Scozia. Il suo rimpianto per il luogo, unito alla sua ambizione di rivitalizzarlo, è ciò che guida l’azienda. Cesidio spera che il progetto de I Ciacca, così come altre iniziative nella regione, generino occupazione e opportunità per i giovani della città.

Cesidio, sua moglie Selina e i loro figli Sofia e Giovanni sono entusiasti del futuro di I Ciacca. La Cucina di Nonna Selina è la pietra miliare. Giovanni ha la sindrome di Down, ama la fattoria ed è la loro Stella Ospitante.

Sofia e suo marito Luigi hanno assunto il ruolo di marketing. Tutti hanno voce in capitolo sulla vinificazione, per garantire la fedeltà alla loro filosofia.

L'uomo che sussurra al vino

Nel corso della storia, l’uva autoctona unica, il Maturano, è sempre stata coltivata a I Ciacca. Fino alla nostra sostituzione in stile Guyot, le viti venivano piantate in modo etrusco “al olmo” (intorno a un olmo) per consentire l’utilizzo del terreno sottostante per la coltivazione e il pascolo – e anche per proteggere le uve dall’umidità in eccesso. La Cantina I Ciacca ripristina qui una tradizione vitivinicola.